PROCEDURA VAS DEL REDIGENDO PIANO REGOLATORE GENERALE

DEL COMUNE DI CASTELVETRANO (TP)

 

In adempienza al Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006, recante “Norme in materia ambientale “( GURI n. 88 del 14/04/2006, Supplemento Ordinario, n. 96), così come modificato dal Decreto Legislativo n. 4 del 16/01/2008, recante “ Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006, recante Norme in materia ambientale”( GURI n. 24 del 29/01/2008), l’Autorità Procedente - il Comune di Castelvetrano, è chiamato a corredare il redigendo Piano Regolatore Generale, della specifica Valutazione Ambientale Strategica, ai sensi dell’art. 6, comma 2 del Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 e s.m.i. . In questa fase i soggetti interessati nel processo di VAS, ai sensi dell’art 5 del Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 e s.m.i., sono i seguenti:

 

Autorità Competente (AC)

Autorità Procedente (AP)

Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente - Dipartimento Territorio ed Ambiente - Servizio 1 VAS - VIA

Comune di Castelvetrano - III Settore Ufficio Tecnico – 8° Servizio Pianificazione del territorio

 

Sempre in questa fase sono interessati, ai sensi dell’art. 5, lettera s) del Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 e s.m.i. i Soggetti Competenti in Materia Ambientale (SCMA), il cui elenco è stato individuato dall’Autorità Procedente e concordato con l’Autorità Competente .

Il documento, che si configura quale “Rapporto Preliminare Ambientale” redatto, ai sensi dell’art. 13,comma 1 del Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 e s.m.i. dall’Autorità Procedente sul redigendo Piano Regolatore Generale, ha lo scopo di individuare i possibili impatti ambientali significativi dell’attuazione del Piano.

In questa fase, infatti, l’Autorità Procedente entra in consultazione, sin dai momenti preliminari dell’attività di elaborazione del Piano, con l’Autorità Competente (Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente - Dipartimento Territorio ed Ambiente - Servizio 1 VAS - VIA) e gli altri Soggetti Competenti in Materia Ambientale (SCMA), al fine di definire la portata ed il livello di dettaglio delle informazioni da includere nel definitivo Rapporto Ambientale.

La norma di riferimento a livello comunitario per la Valutazione Ambientale Strategica (VAS) è la Direttiva 2001/42/CE. Essa si pone l’obiettivo “ di garantire un elevato livello di protezione dell’ambiente e di contribuire all’integrazione di considerazioni ambientali all’atto dell’elaborazione e dell’adozione di piani e programmi, al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile assicurando che venga effettuata la valutazione ambientale di determinati piani e programmi che possono avere effetti significativi sull’ambiente”.

La normativa italiana ha recepito la Direttiva 2001/42/CE attraverso il Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 e s.m.i.

Il redigendo nuovo Piano Regolatore Generale seguirà l’iter procedurale dettato dal Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 e s.m.i.

Ai sensi dell’art. 11, comma 1 del suddetto Decreto l’iter per l’esperimento dell’intera procedura prevede le seguenti fasi:

  1. l’elaborazione del rapporto preliminare e del rapporto ambientale (art. 13);
  2. lo svolgimento di consultazioni (art. 14);
  3. la valutazione del rapporto ambientale e gli esiti delle consultazioni (art. 15);
  4. la decisione (art. 16);
  5. l’informazione sulla decisione (art. 17);
  6. il monitoraggio (art. 18).

Il Rapporto Preliminare Ambientale, redatto dallo Studio Tecnico EDILVERDE, con sede a Trapani, giusto provvedimento sindacale d’incarico n. 85 del 19.10.2010, è stato inviato ai Soggetti Competenti in Materia Ambientale ( SCMA).